Coronavirus: l’inquinamento favorisce i contagi.

Qualche giorno fa mi chiedevo in questo post se fosse solo una coincidenza che le aree con maggiori casi di Coronavirus fossero tutte ad altissimo tasso di inquinamento dell’aria. Un position paper della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) e delle Università di Bologna e Bari conferma quello che temevamo. L’inquinamento da particolato atmosferico può velocizzare la diffusione del Coronavirus e gli permette di mantenersi attivo per più tempo. Il particolato (PM10 e PM2.5) è un vettore (carrier) conosciuto per trasportare numerose sostanze chimiche inquinanti e anche per i virus che grazie a esso possono viaggiare anche per lunghe distanze. …

READ MORE →

Più idrogeno pulito per la transizione ecologica

Una buona notizia nei tempi bui della pandemia da Coronavirus. Un’equipe di ricercatori Giapponesi ha scoperto un sistema più economico e 25 volte più efficiente per produrre idrogeno pulito. C’è sempre più interesse da parte dell’industria per il ruolo dei sistemi energetici basati sull’idrogeno, specialmente nel settore dei trasporti. Azzerare le emissioni di gas serra è infatti un obiettivo indispensabile per la lotta al cambiamento climatico e gli accordi di Parigi ci impegnano a limitare a due gradi l’innalzamento massimo della temperatura media globale, cercando però di fermarla a 1,5 gradi. Questo significherebbe azzerare le emissioni di tutti i settori, …

READ MORE →

Coronavirus: serve una pandemia per prenderci cura dell’inquinamento dell’aria?

Lo spettro della pandemia globale da Coronavirus è sempre più presente ed è giusto affrontare una emergenza di questa portata con misure drastiche come quelle che il governo sta attuando. Ma c’è una domanda che continua a ronzarmi nella testa in questi giorni di isolamento forzato: è solo una coincidenza che le aree dove ad oggi si registrano maggiori casi di Coronavirus, vale a dire Cina, nord Italia, Sud Korea e Iran, siano tutte ad altissimo tasso di inquinamento dell’aria? Secondo l’OMS l’inquinamento atmosferico uccide in Italia 80000 persone all’anno. Il nostro è il primo Paese in Europa per morti …

READ MORE →

FIACCOLATE PER STRAGE DI SCIACCA: SONO CON VOI

FIACCOLATE PER STRAGE DI SCIACCA: SONO CON VOI, contro i criminali, sia quelli che avvelenano che quelli che se ne fregano. Al di là della mano criminale che ha messo le polpette avvelenate a Sciacca, questi gesti deviati sono troppo ricorrenti, quasi istituzionalizzati, in tutti quei comuni dove la Legge Regionale 15/2000 è disattesa, sconosciuta o ostacolata. Le foto dei cani vittime a Sciacca riempiono il web, purtroppo però la cronaca locale , nella stessa settimana , raccontava anche di cani impiccati e avvelenati nei paesi vicini. Io stesso ho ricevuto segnalazioni di volontari che tutt’ora, lasciati a se stessi …

READ MORE →

Sacchetti biodegradabili: è proprio vero che riducono l’inquinamento?

IL 2018 è iniziato con un duro colpo per tutti i cittadini italiani che si sentono ancora una volta presi in giro dal governo, oltre a rincari di luce, gas e pedaggi autostradali si aggiunge la beffa: sarà obbligatorio l’uso di sacchetti di bioplastica al supermercato nei reparti frutta e verdura (ma anche nei reparti di gastronomia, macelleria, pescheria e panetteria) e il loro acquisto sarà a carico dei consumatori. Ma c’è di più, i sacchetti non si potranno più riutilizzare per altri prodotti, tantomeno portare da casa perché la normativa richiede imballaggi vergini e non provenienti dall’esterno del negozio. …

READ MORE →

Olio di palma, dalla tavola al serbatoio sempre gli stessi danni

L’olio di palma sparisce sempre di più dalle nostre tavole. L’attenzione per salute e ambiente dimostrata dai consumatori italiani ha costretto gran parte del mondo industriale a rimuoverlo sempre di più dagli ingredienti dei prodotti alimentari e a far diventare la dicitura “senza olio di palma” addirittura un vanto pubblicitario. Che fine ha fatto l’Olio di Palma? Ma questo grasso tropicale ha un’infinità di altri possibili utilizzi e, man mano che ha abbandonato le nostre tavole, ha cominciato a scivolare velocemente verso….. i serbatoi delle nostre auto! In Europa l’uso negli alimenti è passato dal 57% del 2010 al 34% …

READ MORE →

Antibiotico-resistenza: target più ambiziosi per tutelare la salute

Il problema è sempre più noto: l’uso sconsiderato degli antibiotici nell’ambito umano e nell’allevamento degli animali sta facendo mutare i batteri verso forme sempre più resistenti agli antibiotici con il rischio concreto che l’antibiotico resistenza diventi la prima causa di morte nel 2050 (secondo OMS). Dopo il lungo silenzio che tante volte abbiamo denunciato, il ministro della salute Lorenzin ha finalmente annunciato un piano di contrasto alla resistenza antibiotica di cui stanno a cominciando a girare le prime bozze.  Non posso che concordare con le oltre venti associazioni (tra cui Legambiente, Greenpeace, Ciwf, Cittadinanzattiva) che dichiarano la totale inconcludenza di questo piano blando e poco ambizioso che …

READ MORE →

Verso l’era post-antibiotica: il governo la affronta con una “riduzione spot” del 30%

Come può il Piano Nazionale di Contrasto all’Antimicrobico Resistenza, elaborato con forte ritardo e trasmesso di recente alle Regioni, continuare ad immaginare deboli interventi per contrastare quella che l’OMS definisce un’emergenza planetaria al pari dell’Aids e dell’ebola? Non spaventa l’idea di un’era post-antibiotica in cui non saranno possibili neanche le semplici operazioni chirurgiche? A me spaventa, e dovrebbe spaventare anche la Ministra Lorenzin, che sembra però più interessata ad impegnarsi su altri fronti che ad intervenire drasticamente per scongiurare i 5000/7000 decessi annui in Italia per infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici. Antibiotici che assumiamo con troppa disinvoltura ma …

READ MORE →

Non c’è nulla di etico nella vita di un vegano… dicono

Non lo sapevate? Lo dice un recente articolo che sta spopolando sul web: se escludete dalla vostra alimentazione i cibi di derivazione animale, magari guidati da nobili motivazioni ‘etiche’ come proteggere gli animali e il Pianeta, in realtà state solo peggiorando la situazione! Anzi siete proprio voi vegani la vera causa dello sfruttamento di interi popoli e della devastazione ambientale. Ma siamo proprio sicuri che sia cosi? Per dimostrare questa tesi singolare l’articolo cita diversi esempi: la quinoa coltivata in Perù e Bolivia sconvolgendo l’economia e la biodiversità agraria locale, gli anacardi del Vietnam prodotti col lavoro forzato, la produzione …

READ MORE →

Rifiuti nucleari: tra insicurezza e incertezza

Un piano incompleto e insoddisfacente. Ecco cosa emerge dalle nostre osservazioni sul Programma Nazionale sulla gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi italiano, osservazioni che potevano essere presentate entro il 13 settembre. Abbiamo steso un documento in cui analizziamo le criticità e manifestiamo il nostro scetticismo. Un programma che presenta molte lacune e che già accusa i colpi degli innumerevoli ritardi che gravitano intorno all’intera procedura: dalla pubblicazione della bozza provvisoria a quella del programma definitivo e degli altri documenti per la consultazione pubblica. Ecco in sintesi alcune criticità che abbiamo riscontrato: – non si fa riferimento alla minimizzazione …

READ MORE →

La quotidiana (e furba) sponsorizzazione dell’olio di palma

Canta vittoria troppo presto l’associazione dei cittadini ‘Campagne liberali‘ che ormai, quasi fosse un mantra, elogia quasi quotidianamente la sostenibilità dell’olio di palma. Per farlo questa volta ha tirato in ballo il rapporto del WWF Germania del 2016 che analizza le criticità ma anche i vantaggi di questa produzione. Sebbene il rapporto riconosca la maggior resa per ettaro e la versatilità dell’olio tropicale, ammetta le difficoltà nel sostituirlo oggi in tutti i settori e riconosca il fallimento della sua sostituzione con altri oli tropicali non nega però le problematiche ambientali e sociali legate alla sua produzione: perdita di biodiversità, ingiustizie …

READ MORE →

Agricoltura del domani – MATERIALI CONVEGNO 14 LUGLIO 2017

In questa pagina potete scaricare tutti i materiali presentati dai relatori al convegno AGRICOLTURA DEL DOMANI: LE ALTERNATIVE CONCRETE PER COLTIVARE IL FUTURO che si è svolto venerdì 14 luglio 2017  presso la Sala della Lupa, alla Camera dei Deputati. Di seguito l’intero convegno e i singoli interventi (clicca sulle immagini per vedere i video).                          

READ MORE →

In Trentino per gli orsi è estate “Rossi” sangue

Eh sì, non basta il rosso delle fiamme che sta facendo strage del nostro patrimonio naturale.  Ora ci si mette pure l’ennesima coltellata alle spalle (degli orsi e dei lupi) da parte del biopatico Ugo Rossi, presidente della Provincia autonoma di Trento. Lui ha firmato in tempo di record un’ordinanza per catturare l’orso, protagonista di un incidente avvenuto alcuni giorni fa a Terlago (Trento) che avrebbe ferito un uomo che passeggiava col cane. Al di là di come siano andati realmente i fatti (c’erano i cuccioli nelle vicinanze? il cane non era al guinzaglio e ha spaventato forse l’orsa?) questo …

READ MORE →

Siccità: un’emergenza prevedibile

In alcune zone d’Italia non piove da mesi, l’inverno è stato particolarmente asciutto e la rete idrica nazionale fa letteralmente acqua da tutte le parti. La siccità sta mettendo in ginocchio l’Italia. E ora tutti gridano all’emergenza, ma quale emergenza? Quale sorpresa?! Ci si riduce all’ultimo, sperando che le cose in qualche modo si sistemino da sole, continuando tra l’altro, e incredibilmente, a sottovalutare gli effetti del cambiamento climatico. Il Paese si trova oggi in seria difficoltà con i 2/3 dei campi coltivati a secco. Per la siccità si contano danni ovunque: dal Piemonte, regione con la maggior superficie coltivata …

READ MORE →

Assenteismo del Governo: sul nucleare #lasolitascoria

La breve parentesi del nucleare italiano ha lasciato una eredità molto pesante. Parliamo decine di migliaia di metri cubi di rifiuti radioattivi ora stoccati nei depositi temporanei della Sogin (la società di Stato incaricata dello smantellamento degli impianti nucleari e della messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi). Rifiuti che sono sparsi per il territorio italiano in pessime condizioni di sicurezza. Basti pensare che solo a Saluggia, in provincia di Vercelli, sono concentrate in un’area totalmente inadeguata praticamente tutte le scorie più pericolose: quelle ad alta attività. Una situazione di rischio costante per i cittadini. Ma oltre il danno si aggiunge …

READ MORE →

Cambiamento climatico: fare meno figli e viaggiare meno ci salverà

Il cambiamento climatico è il risultato dell’accumulo di gas serra nell’atmosfera ma è anche il frutto di miliardi di decisioni e comportamenti individuali. E proprio per questo ognuno di noi può fare la differenza. Non è uno slogan ma lo dicono i risultati di un recente studio “The climate mitigation gap: education and government recommendations miss the most effective individual actions”. La ricerca avrebbe individuato una serie di “comportamenti” colpevoli che se “corretti” potrebbero essere fondamentali per ridurre l’impatto delle emissioni annuali prodotte da ogni individuo. La ricerca parla di 4 azioni in particolare da intraprendere, di cui una con implicazioni …

READ MORE →

200 ambientalisti uccisi in un anno: mai così tanti

Difendere l’ambiente costa sempre più caro. Non parliamo di soldi ma di vite umane. Secondo il rapporto pubblicato oggi dall’organizzazione Global Witness almeno 200 ambientalisti nell’arco del 2016 hanno perso la vita per difendere il loro territorio. Numeri drammatici: per Global Witness la cifra è aumentata del doppio rispetto ai due anni precedenti. La stessa organizzazione parla di dati sottostimati avendo difficoltà a reperire tutti i dati. A registrare le perdite più numerose il Brasile, con 49 morti. Subito dopo c’è la Colombia, con 37 e poi le Filippine con 28. Infine c’è l’India, con 16 vittime. Non posso non ricordare …

READ MORE →

Acqua avvelenata

Non solo glifosato. Anche alaclor, atrazina, terbutrina e clorpirifos invadono le falde acquifere italiane nel silenzio e nell’indifferenza generale. Tanto che male potrà mai fare un pesticida in più nelle nostre già martoriate acque? In realtà un po’ di differenza la fa. Questi nomi che ai più non diranno assolutamente nulla sono in realtà veri e propri veleni che ormai hanno infestato completamente i nostri suoli, l’acqua e di conseguenza il cibo che arriva sulle nostre tavole. A dirlo è il secondo rapporto dell’Ispra sui pesticidi 2013-2014 (ossia l’ultimo pubblicato, disponibile a questo link) secondo cui queste sostanze si trovano …

READ MORE →

MORIRE D’INQUINAMENTO, L’ITALIA PAGA PER FARLO

66000 morti premature all’anno. 66000 morti premature all’anno di cui nessuno parla, nessuno sa, nessuno vuole vedere. Perché? Perché sono morti da inquinamento. Un tema su cui uno Stato dovrebbe e potrebbe fare molto ma sul quale lo stato italiano non vuole fare nulla. E il motivo è presto detto: tutelare la salute dei cittadini significa prima di tutto tutelare l’ambiente e il nostro territorio, fare prevenzione, educazione e informazione; scontentare un po’ di lobby – soprattutto quelle del tanto amato fossile – e investire in alternative sostenibili ed ecologiche. Questa inefficienza ha fatto dell’Italia lo Stato europeo più colpito …

READ MORE →

Nucleare: per un pugno di voti il rischio è altissimo e le multe salate

Nucleare: per un pugno di voti, grazie a questo governo, il rischio è altissimo e le multe salate. Era il 29 aprile 2016 quando Bruxelles ha messo in mora il nostro Paese per la (mala)gestione delle scorie radioattive. È passato un anno. Un anno dall’apertura della procedura di infrazione contro l’Italia da parte della Commissione Europea a causa del ritardo con cui il programma nazionale per l’attuazione della politica di gestione del combustibile esaurito e dei combustibili radioattivi è stato inviato alla Commissione Europea, e da allora nulla è cambiato. Anzi, nessuna delle criticità sollevate dalla Commissione è stata risolta. In barba …

READ MORE →